Messaggio di Padre Roberto del 15/5/2020

Carissimi parrocchiani,

com’è noto a tutti lunedì 18 maggio riprenderanno le celebrazioni eucaristiche. Anche noi inizieremo a celebrare da lunedì le messe feriali delle 18 e le messe festive dal 24 maggio (nota: anche la messa delle 19 di sabato 23). Con il Consiglio pastorale stiamo organizzando la presenza di volontari per assicurare il servizio di sicurezza, secondo le regole che sono state trasmesse dal Vescovo alla nostra Diocesi di Padova.
Chiedo la disponibilità di altri parrocchiani anche per le prossime domeniche fino a quando durerà questa emergenza sanitaria. Per questo prezioso servizio potete rivolgervi al vicepresidente del consiglio pastorale o a me (nota: o mandare una email a info@parrocchiasancamillo.org  ).
Ritrovare i parrocchiani è per me una gioia e una emozione intensa dopo tre mesi che è mancata la presenza in chiesa di voi fedeli. Ma oltre al sentimento di gioia c’è anche quello altrettanto forte di curiosità nel cogliere un cambiamento nel modo di voi parrocchiani di apprestarsi alla vita comunitaria. Sento da parte di tanti un vivo senso di attesa. Il passaggio che avverrà da lunedì prossimo sarà fondamentale. In queste domeniche si è potuto assistere alla messa delle 11 via streaming. E sarà possibile anche domenica 24, alla messa delle 11, per coloro che per età o per altri motivi che i nostri vescovi hanno presenti e per questo sono dispensati dal precetto festivo. Aspetto gli altri fedeli a partecipare anche se viene richiesto un impegno nuovo e diverso.
Chiedo di continuare a coltivare il proprio giardino interiore seminando armonia, serenità e speranza… Sbocceranno fiori meravigliosi. L’amore è nutrimento per lo spirito: quello che il cibo è per il corpo, l’amore lo è per lo spirito. Non bisogna però perdere il contatto con la preghiera che ci consente di entrare in comunione con il Signore, perché solo mettendo in pratica i suoi insegnamenti e accettando i suoi inviti la nostra vita sarà nella gioia. Vi saluto e vi benedico di cuore!
 

P. Roberto